umori odori colori dell’aula consiliare

Penultimo consiglio comunale di questo mandato. Butto occhiate ai  dettagli dell’aula -le tavole di Pizzinato, le due telecamere fisse che mai ho visto funzionare ai lati dell’arcata centrale, le due altrettanto mai viste attive alle mie spalle, i medaglioni con gli stemmi ai lati del bianco lenzuolo dello schermo avvolgibile, il tabellone elettronico per le votazioni e gli interventi, le due piantane per gli abiti, i capannelli mai casuali aggregati d discussioni sui massimi, medi e minimi sistemi- ed assumo sensazioni d’altra specie -il compatto rugore della superficie gommosa del tavolo davanti a me, la lucida levigatezza del bordo del tavolo stesso, il caricarsi degli umidi odori dopo ore di consiglio, le distorsione delle voci al microfono, le stagioni intuite oltre i vetri spessi dell’aula.

Lo so già, più ancora degli argomenti qui trattati, dei momenti di passione e di noia vissuti, resteranno in mente questi dettagli.

Un pensiero riguardo “umori odori colori dell’aula consiliare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...